senza parole (ma giusto perchè sono quasi afona).

12.03.2010

COFF – COFF, SPUT.. FRRRSHH (cielo, ma non esiste un’onomatopeica per la soffiata di naso?) (scriverò all’accademia della crusca perchè la inventino al più presto)

lascerò che siano le immagini a parlare per me. non fosse altro per il fatto che sono quasi totalmente afona.


cliccasullosgorbioperingrandire

riassumendo:

° alterno momenti di afonia ad altri in cui parlo come un transessuale brasiliano
(call me ugO, please)

° sono troppo pigra per alzare il fondoschiena dalla sedia e andare a procacciarmi dei fazzolettini, intanto sto alluvionando casa
(certo, perchè la tastiera del pc non è stata traumatizzata a sufficienza dallo smalto che ci ho fatto cadere sopra, bramava di esser annaffiata anche dai miei starnuti)

° l’acqua nella borsa dell’acqua calda si ghiaccia dopo dieci minuti di orologio da quando smetto di riempirla
(qualcuno ponga fine all’inverno, per favore T____T )

° sì, ho davvero quel pigiama, e ho davvero quelle lenzuola e il plaid di hello kitty. so che un pigiama rosa sarebbe stato più in tinta, ma mi sento troppo male per preoccuparmi di essere fashion.

° so che gli indizi sembrano tutti contro di me.. ma non è che passo la mia vita a letto. è una bieca coincidenza, lo giuro.

addio, mondo crudele (

* northern star°

|| flickr || twitter || facebook ||

Annunci

training autogeno.

05.03.2010

oggic’èilsole,oggic’èilsole,oggic’èilsoleeeeeeee ^______________________^
(o almeno qualcosa che vagamente gli assomiglia)

REWIND: ahem.. BUONGIORNO

non so se sono più felice del fatto che il diluvio universale sia cessato (no, davvero.. ancora un paio di giorni e avrei iniziato ad accoppiare gli animali a due a due e costruirmi un’arca. evitando accuratamente di portarmi dietro le zanzare, of course) o dell’aver boicottato l’università per starmene a casetta mia. ma intanto che decido aggiorno un pò questo blògg.

oggi mi va di inaugurare una nuova categoria: scarabocchi.
no, perchè facciamo outing: io, ladies and gentlemenZ, scarabocchio. non solo quando una telefonata va per le lunghe, non solo all’università mentre la prof di economia si perde nel calcolo dei ricavi netti sulla vendita di nonsochèlibro tolto il 60% dei costi di promozione e distribuzione, ma la metà delle volte che mi capita in mano la tavoletta grafica mentre sono nullafacente.

indipercui mi va di postare anche qui sul blògg il frutto dei miei momenti di scazzo (si può dire scazzo su un blògg?)
quello col maglione a righe in fondo alla sala che sta urlando “sì, ma a noi che ce frega de ‘sti scarabocchi, facce un tutorial” vada fuori, grazie u.u

no, veramente, mi piace pensare che anche gli scarabocchi siano pedagogici. questo, ad esempio, racchiude in sè la morale “se siete facilmente impressionabili NON guardate documentari sugli insetti”, a meno che non vogliate passare il resto della vostra vita ad ispezionare materassi e lenzuola alla ricerca degli escrementi della cimice dei letti come farà la sottoscritta.


cliccasull’immagineperingrandirechesenononsivedeuntubo

quest’oggi abbiamo imparato che

*le cimici dei letti (cerca su wikipedia cimex lectularius per renderti conto della schifidità della cosa) sono il male
*al tizio di mordimi! (in onda su natgeo adventure, canale 404 di sky) manca un venerdì (che poi secondo me gli manca tutta la settimana)
*io soffro di insonnia

arrivedòrci

*northern star°

ppìess: vi farà piacere sapere che si è già annuvolato. voglio piangere

|| flickr || twitter || facebook ||