hello winter.

22.12.2011

hello winter.
che non è mica “hellooo winter <3“. noo, manco un po’. leggasi con voce stile ‘le è morto il gatto‘.

a mio modesto parere, non esiste persona dotata di buon senso a cui possa piacere l’inverno. piove, e quando piove mi si allaga casa (FAQ: “cosa vivi, in un container?” no, ma se piove orizzontale non c’è barriera architettonica che tenga!). fa un freddo cane (FAQ2: ”cosa vivi, in Lapponia?” no, magari, scommetto che in Lapponia non ci sono tribù primitive che sparano fuochi d’artificio per tutta la notte perchè il Napoli vince 6 a 0) (edit: lapsus, 6 a 1.. non che ci sia differenza ma vabeh), e giuro che stamattina ho indossato tutto l’armadio, ma tremo ancora. e non vorrei tirarmela, ma credo mi stia venendo l’influenza (oppure potrei essermi beccata il colera scartabellando in biblioteca tra libri che nessuno spolvera dal 1856).

e poi dopodomani è Natale. lo so che lo dico ogni anno, ma fatemi essere ripetitiva: che palle il Natale! il trionfo dell’ipocrisia e dei cenoni a base di roba beige che non digerirai mai nemmeno per il 2050 (FAQ3: ”ma cosa sei, il Grinch?” – e cavolo, qualcuno metta a tacere questa voce fuori campo! – poi lo so che mi lamento del mio colorito giallognolo, ma se fossi il Grinch dovrei farmi un mutuo per comprare il fondotinta.)

giuro che il primo che mi fa gli auguri dopo essere sparito nel nulla negli ultimi sei mesi me lo mangio vivo (specie se non è beige).
ma vabbè, tanto sto Natale sarà l’ultimo. Mayapensatecivoiperfavoregrazie.

no, ma giuro che non ce l’ho con il mondo, è solo che ci sono persone senza un perchè che continuano ad esistere. è quello il problema, che spreco di ossigeno.

quindi tu, se stai leggendo non prenderla sul personale, non ce l’ho con te. a te auguri tante care cose. è con quello che ti è seduto affianco che ho qualche problema.

porto la mia radiosa positività altrove. a qualcuno, ma non a tutti, buone feste ;)

*the Grinch°

|| flickr || twitter || facebook ||

Annunci

senza parole (ma giusto perchè sono quasi afona).

12.03.2010

COFF – COFF, SPUT.. FRRRSHH (cielo, ma non esiste un’onomatopeica per la soffiata di naso?) (scriverò all’accademia della crusca perchè la inventino al più presto)

lascerò che siano le immagini a parlare per me. non fosse altro per il fatto che sono quasi totalmente afona.


cliccasullosgorbioperingrandire

riassumendo:

° alterno momenti di afonia ad altri in cui parlo come un transessuale brasiliano
(call me ugO, please)

° sono troppo pigra per alzare il fondoschiena dalla sedia e andare a procacciarmi dei fazzolettini, intanto sto alluvionando casa
(certo, perchè la tastiera del pc non è stata traumatizzata a sufficienza dallo smalto che ci ho fatto cadere sopra, bramava di esser annaffiata anche dai miei starnuti)

° l’acqua nella borsa dell’acqua calda si ghiaccia dopo dieci minuti di orologio da quando smetto di riempirla
(qualcuno ponga fine all’inverno, per favore T____T )

° sì, ho davvero quel pigiama, e ho davvero quelle lenzuola e il plaid di hello kitty. so che un pigiama rosa sarebbe stato più in tinta, ma mi sento troppo male per preoccuparmi di essere fashion.

° so che gli indizi sembrano tutti contro di me.. ma non è che passo la mia vita a letto. è una bieca coincidenza, lo giuro.

addio, mondo crudele (

* northern star°

|| flickr || twitter || facebook ||