postino.

13.04.2011


Roma, ore 8equalchecosadelmattino*, lezione di progettazione e realizzazione di siti web:

il professorechi di voi ha un blog?
i criceti nel mio cervelloommioddio, ma io ho un blog!:ù

[* sì, ho lezione alle 8 del mattino. sì, è crudeltà verso gli animali. segnalate al WWF T.T]

e niente, così ho pensato di scrivere un postino, che quello sì sa, suona sempre due volte. come me ieri mattina, che ho dimenticato le chiavi e son rimasta chiusa fuori casa perchè la mia coinquilina non sentiva il citofono. no, questa è un’altra storia e non c’entra. e chiudiamola qui, se no attacco a lamentarmi di tutte le disgrazie che mi son capitate sta settimana (e siamo solo a mercoledì).

il punto è che in realtà non ho niente da dire. sono viva, anche se il mio ragazzo ha tentato di uccidermi spruzzandomi l’anticalcare nell’occhio. sto bene, però se nascevo uomo stavo meglio. e.. per il momento questo è tutto. magari un altro giorno scrivo qualcosa che abbia un’utilità pratica. o anche no. chissà. stay tuned.


super REsize me.

20.01.2010

buoooondì. cioè, no, mi sa che è buio. buoooonsera!

sì, sono viva. sì, sto bene, ma potrei stare meglio se non facesse così freddo. perchè non si può mica fare che a natale abbiamo fatto il cenone a mezze maniche e adesso l’acqua che sgocciola dall’irrigatore in giardino si ghiaccia. ma proprio no >.<

passato buone feste? io.. sono felice di non essermi tagliata le vene, ecco. fortuna che il natale viene una volta l’anno u.u

ma parliamo di cose serie. quest’oggi mi va di condividere con voi una bella cosa, che ci fa risparmiare un bel pò di tempo quando dobbiamo postare una foto in rete. mapperchè, direte voi, dobbiamo postare foto in rete? e a che pro? beh, anche nessuno, ma siccome sono sicura che se avete speso anche solo più di 50 euro per l’acquisto di una macchina fotografica che non sembri uscita dalle patatine, e se passate il vostro tempo a fotografare ogniqualsivogliacavolata che vi si para davanti in attesa dell’idea geniale che vi farà diventare i cartier bresson del 2000 come fa la sottoscritta.. beh, allora potrebbe anche venirvi voglia di farvi un account su flickr per ammorbare il prossimo con i vostri esperimenti :D

partiamo dal presupposto che mettere una foto su internet il più delle volte significa vedere il vostro lavoro, che voi vi siete fatti un cu..ore così ad ideare/comporre/scattare/editare, finire come per magia sul blog di pincapallina91 o di cucciolotta3MSC, naturalmente senza che ve ne sia riconosciuta la paternità , maternità o fratellanza. quindi, per rendere quantomeno la vita più difficile ai copiaincollatori di professione, oltre ad inserire sulle vostre imamgini la watermark, che sarà pure antiestetica e antigraziosa ma è una santa cosa, la sottoscritta vi consiglierebbe di ridimensionare le foto che caricate su flickr, deviant, fèisbuk o quelchesia.

una foto di minori dimensioni ha una risoluzione inferiore (ma và?). così l’originale resta nella vostra bella cartella sul pc (che se avete una canon si chiamerà ‘with canon you can‘, fidatevi), tutti potranno sciropp.. ehm, ammirare il vostro lavoro sul uèbb, ma se vogliono rubarvelo si ritroveranno a scaricare una cosina piccola piccola e pixellosa pixellosa, che appena provi ad allargarla si sgrana, e che di conseguenza non possono provare a vendere spacciandola per propria. tttiè!! (segue gesto dell’ombrello).

ora, siccome a noi ci piace risparmiare tempo, e mettersi lì ogni volta a ridimensionare le foto prima di postarle è oggettivamente palloso, ci creiamo con fotosciòpp una bella action per automatizzare il lavoro.

Leggi il seguito di questo post »