l’ABC del photoshoppamento – ovvero come rendere passabile una foto oscena.

madames, monsieurs.. bonsoir

saranno tipo sei o sette eternità che non aggiorno questo tutorial blògg (che non aggiorno nessuno dei miei millessettecentocinquantasèi blògg, in realtà).. ma ho avuto un pò da fare ultimamente. cose tipo laurearmi, fare un viaggio a parigi, scegliere una specialistica che non mi facesse venire da vomitare. cose così insomma.

però ora sono qui a scrivervi un -ipoteticamente- utile tutorial sul quale meditavo da un pò. uòrdpress permettendo, si intende, che dall’ultima volta hanno di nuovo cambiato l’editor, sto scrivendo con un cagosissimo timesnewroman che sarà di dimensione 4 tanto che è piccolo, e non ho la più pallida idea di come modificare il carattere. àlegria

dunque, come da titolo, questo tutorial è riservato a quelli che sono alle primissime armi, che dopo aver scattato una foto con la loro compattina la guardano sconsolati pensando “uffamaquantosonslavatiicolori” / “uffapendetuttaadestramanonsaròmicastrabico” / “ecchecaspiomapperchèquestomoscerinodelcavolodovevapassareproprioadessodavantialmioobbiettivo”. ecco, se pensate una qualsiasi cosa che inizi per uffa, questo tutoria è per voi.

per l’occasione sono andata a riesumare una fotina imbecille scattata con la compatta l’estate scorsa (sì, perchè io quest’anno il mare non l’ho mica visto) (e lo so che teoricamente ho passato le mie vacanze nella ville lumiere e non mi dovrei lamentare, però io un bagno volevo farmelo) (e non potevo mica tuffarmi nella senna ) (o potevo? )

questa è la mostruosità iniziale:1

come potete notare è totalmente storta, manca di contrasto, i colori sono sbiaditi.. però non è che ero ubriaca quando l’ho scattata, giuro. è solo che erano le 2 del pomeriggio, il sole mi picchiava in testa, e mi picchiavano in testa pure i miei amici perchè passavo il tempo a scattare foto strabiche invece di farmi il bagno . dunque, imbarchiamoci nella mission impossible di rendere decente questo scatto (qui parte la musichetta, eh..).

la prima cosa da fare, dopo aver aperto il nostro orrore con photoshop, è ruotare la foto, che così non la si può guardare. allora andiamo nella paletta LIVELLI in basso a destra, clicchiamo col tasto destro del mouse sul livello SFONDO, e dal menù a tendina selzioniamo LIVELLO DALLO SFONDO.

2 trasformare lo sfondo in livello permette di ruotare, alterare, distorcere e trasformare l’immagine a proprio piacimento, ma se vogliamo salvare il file in formato JPG o JPEG non possiamo, quindi sarà necessario riconvertirlo in livello unico (sfondo) prima del salvataggio finale. ma facciamo una cosa alla volta :)

a questo punto, ora che abbiamo il nostro bel LIVELLO 0 (dovrebbe essere questo il nome di default su photoshop ) dalla barra dei menù in alto, selezioniamo MODIFICA > TRASFORMA > RUOTA. intorno al perimetro della foto appariranno dei quadratini in trasparenza. al passaggio del mouse apparirà una doppia freccina in corrispondenza dei quadratini. clicchiamoci su e ruotiamo la foto, rilasciando il click solo dopo averla ruotata perfettamente.

(ovvio che si può fare anche in più riprese se non si indovina subito il “raddrizzamento” perfetto)

ora che abbiamo raddrizzato l’immagine, noteremo che ci sono delle parti eccedenti. non dobbiamo fare altro che ritagliare la foto, lasciando solo quello che è al centro.

(va da se che questa cosa non s’ha da fare se il soggetto è molto vicino ai margini della foto.. rischieremmo di decapitarlo durate il crop!!)

dalla barra degli strumenti posta sulla sinistra, selezioniamo lo strumento TAGLIERINA come in foto, poi scegliamo il nuovo taglio che vogliamo dare all’immagine e clicchiamo sulla spunta verde in alto per confermare.

3

adesso aggiustiamo colori e toni. per prima cosa occupiamoci del contrasto. dalla barra dei menù in alto, selezioniamo IMMAGINE > REGOLAZIONI > LUMINOSITA’/CONTRASTO, e giochiamo con i valori finchè il risultato non ci soddisfa. naturalmente i valori non devono necessariamente essere positivi: se una foto è troppo chiara, possiamo sottrarle luminosità inserendo il valore -6, per esempio. tanto selezionando “anteprima” potete controllare tutte le variazioni dei vostri esperimenti, quindi sbizarritevi pure. oppure se volete lasciar fare al signor photoshop perchè vi fidate ciecamente di lui, scegliete IMMAGINE > REGOLAZIONI > CONTRASTO AUTOMATICO.

per regolare l’esposizione, invece, andiamo su IMMAGINI > REGOLAZIONI > ESPOSIZIONE. anche qui potete giocare con i tre parametri, tenendo sottocchio i cambiamenti dopo aver selezionato l’opzione “anteprima”.

naturalmente ricordiamoci sempre che in caso di errore si può tornare indietro. basta andare sulla paletta AZIONI – STORIA posta sulla destra (se non ce l’avete aggiungetela selezionandola in FINESTRA > STORIA nel menù in alto) e scegliere il punto della “storia” a cui volete tornare. sarebbe bello averlo anche nella vita reale, eh? :P

4ora vivifichiamo un pò i colori, che così più che il 15 agosto pare il 2 di novembre. occupiamoci, ad esempio, della saturazione: andiamo in IMMAGINI > REGOLAZIONI > TONALITA’ / SATURAZIONE. la finestra che vi si aprirà è quella in foto. è possibile sia lavorare sui valori di saturazione di tutti i colori della foto, sia per gruppi di colore. ad esempio, per evitare di far diventare troppo “giallo-ittero” la sabbia, in questa foto potrei scegliere di alzare la saturazione solo delle tonalità “blu” e “ciano”, che poi sono le note dominanti del mare e del cielo.

variare il valore della tonalità, invece, ci dà la possibilità di rendere la foto più “calda” o più “fredda”.

luminosità poi è una nostra vecchia conoscenza, quindi giàssapete.

5

un’altra opzione è quella di modificare i colori con lo strumento correzione colore selettiva, che trovate in IMMAGINE> REGOLAZIONI > CORREZIONE COLORE SELETTIVA. anche qui potete procedere per tonalità, e per ognuna variare le percentuali di cyano, magenta, giallo (che poi fossero i colori primari u.u) o nero (ad esempio se volete schiarire o scurire certe tonalità).

oh, adesso direi che il nostro obbrobrio ha già cambiato faccia :D

ricordiamoci che per salvare in JPEG o JPG dobbiamo andare su LIVELLO > UNICO LIVELLO.

èniuèi, possiamo ancora usare qualche piccolo accorgimento per rendere la foto ancora meno peggiA.

molte foto, specie se scattate con le compattine, risultano un pò fuori fuoco. possiamo applicare una maschera di contrasto per rendele un pelo più nitide (ma senza esagerare coi valori, che se no viene più nitido anche il noise, che è questa roba di cui abbiam già parlato qui, ed insomma.. non è cosa buona e giusta).

7allora, io faccio così: per prima cosa duplico il livello (LIVELLO > DUPLICA LIVELLO…); poi vado in FILTRO > ACCENTUA PASSAGGIO; imposto LUCE VIVIDA come metodo di fusione per il livello SFONDO COPIA

(lo si fa nella paletta livelli.. vedi immagine accanto); regolo la percentuale di opacità del livello SFODO COPIA (la percentuale è quel numeretto seguito dal simbolo % che sta nella casella “Opacità:”) (cioè, magari questa era facile..); unisco i livelli (LIVELLI > UNISCI VISIBILI).

ora sì che abbiamo finito

ve la ricordate la nostra horror picture iniziale? quella cosina slavatina sfocatina stortina scattata pigramente un pomeriggio al mare con 40° all’ombra? vediamo il prima e dopo (vi assicuro che questa è la parte più gratificante di un fotoscioppamento):

primadopo

woooooow, magiiiiiaaaaa (sì, s’è fatta ora di pranzo e inizio a connettere poco, per cui sono ancora più imbecille del solito).

ultima cosa: immaginiamo che un moscerino inopportuno quanto marco masini (perchè sì, marco masini è inopportuno.. ma questa è un’altra storia) vi si sia piazzato davanti mentre scattavate, o che un uccello, una barca, un aeroplanino, un aquilone, vostra zia vi abbia rovinato la composizione dello scatto. come lo eliminiamo? ipotesi a) vi assiccurate che al momento dello scatto nessuno vi sia tra le balle, per cui annegate la barca, impallinate l’uccello, tagliate il filo all’aquilone, abbattete l’aeroplanino, schiacciate il moscerino, eliminate fisicamente vostra zia. b) usate il timbro clone.

non avevo ospiti indesiderati in questo scatto (almeno quello..), perciò ho piazzato una pseudostellina in mezzo al cielo. selezionate dalla barra degli strumenti il TIMBRO CLONE (vedasi immagine sotto), e zoommate la vostra foto in modo da vedere per bene l’area dove si trova l’elemento da rimuovere. adesso nel menù del timbro clone scegliete un pennello morbido, di dimensioni adeguate all’area da cancellare. quindi, tenendo premuto il tasto “Alt” sulla tastiera, posizionate col mouse il pennello del timbro clone sullla parte immediatamente vicina al vostro intruso, che abbia gli stessi colori e sfumature, e cliccate. ora, dopo aver catturato la parte da clonare, passate lo stesso strumento sul moscerino/aereo/aquilone/vostra zia (anche se credo sia difficile che vostra zia impari a volare), finchè non scompare.

timb

vi sarà particolarmente utile anche per eliminare quei fili elettrici volanti con i tralicci, che pare li mettano lì apposta per rovinare i paesaggi.

direi che ho finito. fatemi sapere se questo sproloquio vi è utile, se c’è qualcosa di poco chiaro, e soprattutto a quale santo devo fare voto per cambiare il carattere su wordpress T_______________T

aurevoir

*northern star°

|| flickr || twitter || facebook ||

Advertisements

11 risposte a l’ABC del photoshoppamento – ovvero come rendere passabile una foto oscena.

  1. italida ha detto:

    mauauhhauauhauhauh! mi fa morire come scrivi! cmq è interessante scoprire procedimenti sempre nuovi… io per esempio per ruotarla uso la correzione lente, ma alla fine ognuno trova la propria strada per andare a roma hihihi… cmq bello, bello, mi è piaciuto il post! aggiornalo più spesso sto blog, mi raccomando! :D

  2. saracimino ha detto:

    mitica !!!!!!!!!!!!!
    sisi, nuovi tutorial, ne abbiamo bisogno!!!
    :***

  3. Sara ha detto:

    jejejejeje grande!!!! :**

  4. sunnyd4y ha detto:

    tutto giusto.. tranne sul finale che i tralicci dell’elettricità rovinano i paesaggi ^^, brà!

  5. adedip ha detto:

    ariecco il rompipalle… ma che tu sappia..come si chiama “accentua paesaggio” in inglese? soprattutto sta sotto Filtri>Sfoca>
    puo essere “blur>avarage” perché mi sembra l’unico che come risultato da la media dei colori della foto e poi con le opzioni di fusione da un effetto simile.. po esse?
    thx

    ;)

  6. Faffy83 ha detto:

    *__* cioè.. ma sai quanto ho cercato un tutorial così? eccheccacchio, nessuno scrive ‘sti procedimenti in internet. quindi, dènghiu veri màch. ^^

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: